Programma convegno CS_ CARNE O CARNE COLTIVATA NEI NOSTRI PIATTI (1)

Milano Malpensa Fiere, domenica 21 aprile 2024. Un convegno, un talk. Il dialogo sulla carne coltivata al centro di un convegno promosso da Federcarni e Confcommercio, con il patrocinio della Commissione europea, a Milano Malpensa Fiere (domenica 21 aprile da ora alle 12.30).

Ciò che serve è sinergia. Nessuno si salva da solo. Carne coltivata: una nuova frontiera della ricerca “Il dibattito sulla carne coltivata ed altri alimenti di origine cellulare è molto ampio e tante sono le domande che richiedono risposte chiare e scientificamente supportate. In questo scenario la parola chiave è ricerca. Fare ricerca con un rigoroso approccio e con una valutazione olistica, multicriterio e indipendente. Fare ricerca per valutare i potenziali vantaggi e i potenziali svantaggi, per delineare i limiti ed i punti critici ancora da definire nella consapevolezza delle attuali criticità”. Così Federica Cheli, professoressa di nutrizione e alimentazione animale presso il Dipartimento di medicina veterinaria e scienze animali dell’Università degli Studi di Milano.

Maurizio Arosio, presidente nazionale di Federcarni: “Serve un nuovo patto della carne, allevatori e macellai insieme per la qualità italiana. Perché un convegno che mette in relazione la carne con le produzioni di laboratorio? Perché oggi i macellai italiani non cercano santi e demoni ma vogliono informazioni chiare, nette e precise. Dalla scienza, presidio di sicurezza e garanzia per la salute, e dalle istituzioni chiamate a confrontarsi con una scala dei bisogni sempre più ripida e mutevole. In gioco non c’è solo la sopravvivenza dei negozi, senza i quali è desertificazione urbana ed economica.

Ma c’è soprattutto il riconoscimento del commercio di vicinato quale motore di quella catena del valore che produce reddito, professionalità, cultura sociale, occupazione e qualità. Sì qualità in grado di rispondere, e spesso anticipare, gusti e tendenze dei consumatori. Nei macellai italiani c’è questa consapevolezza. Un vero e proprio asset che si sviluppa con la formazione continua, con gli investimenti, con la capacità di scegliere l’etica del benessere animale in tutta la sua complessità per perseguire la qualità dell’offerta. Oggi però bisogna essere anche in grado di leggere i cambiamenti dell’economia e dei mercati, dei regolamenti e delle norme. Lo chiede la filiera, ma in particolare lo pretendono i consumatori. In questo contesto i macellai, i professionisti della carne, vogliono governare i paradigmi senza contestazioni nè prese di posizioni aprioristiche. Una piccola, grande rivoluzione di settore: comunicazione mirata, capacità di scelta, alleanze strategiche capaci di migliorare redditività e competitività. Un esempio? Incentivare la collaborazione tra allevatori e macellai nell’ottica di mettere a sistema le rispettive capacità in modo trasparente per un nuovo patto della carne. Pulita, sana, sicura, consapevole. Fattori che, accomunati dal valore della qualità, possono e devono diventare un moltiplicatore economico per gli allevatori e i macellai.

Il programma del Convegno – Carne o carne coltivata nei nostri piatti? Dialogo tra ricerca scientifica Europa e politica Milano Malpensa Fiere, domenica 21 aprile

PROGRAMMA

Carne coltivata: una nuova frontiera della ricerca. Federica Cheli, Professoressa di nutrizione e alimentazione animale Dipartimento di medicina veterinaria e scienze animali – Università degli Studi di Milano

Aspetti legislativi e politici della carne coltivata. Felice Adinolfi, Professore di economia agro-alimentare Dipartimento di scienze mediche veterinarie, Università degli Studi di Bologna.

Aspetti economici della carne coltivata e della carne. Paolo Sckokai, Direttore del Dipartimento di economia agro-alimentare dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, sede di Piacenza e presidente della European Association of Agricultural Economists

Impatto ambientale ed energetico della carne e della carne coltivata. Arvea Marieni, Membro del team Europe Direct della Commissione europea ed ambasciatrice del Patto europeo per il clima

Modera: Marco Tassinari, professore presso Scuola di specializzazione in sanità animale, allevamento e produzioni zootecniche dell’Università di Bologna e direttore scientifico dei corsi di formazione di Federcarni

DIBATTITO In apertura video messaggio di Francesco Lollobrigida, Ministro dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste

Intervengono, moderati da Luca Borghi, giornalista e responsabile comunicazione di Federcarni: Maurizio Arosio – Presidente nazionale di Federcarni, Arvea Marieni – Membro del team Europe Direct della Commissione europea ed ambasciatrice del Patto europeo per il clima, Paolo De Castro – Europarlamentare, Lorena Savani – EIT Food Mission Executive – Healthier Lives Through Food, Co-leader del Think Tank di EIT Food sulla diversificazione delle proteine, Vincenzo Lenucci – Direttore dell’area politiche di sviluppo delle filiere agroalimentari di Confagricoltura, Carlo Sangalli – Presidente nazionale di Confcommercio.

Per informazioni, ufficio stampa Federcarni Luca Borghi 339 7876566, Luciana Rota 392 1968174

CS_ CARNE O CARNE COLTIVATA NEI NOSTRI PIATTI (1)