Si intitola C.E.R. CHIAMO ENERGIA ed è un progetto di cooperazione fra Gal terre del Po, Gal Oltrepò pavese e Gal Risorsa Lomellina, che si presentano come potenziali aggregatori per le Comunità Energetiche CER. L’idea scatta dalla necessità di ridurre le emissioni di CO2 e altri gas climalteranti, concausa dell’effetto serra e conseguentemente del cosiddetto climate change, che ha determinato a livello internazionale a partire dal Protocollo di Kyoto del 1997, l’adozione di politiche volte a favorire le produzioni energetiche rinnovabili, a discapito di quelle basate su combustibili fossili.

Si parlava allora di 20-20-20 rispetto alla riduzione delle emissioni di CO2, riduzione dei combustibili fossili nell’autotrazione e infine incremento al 20% nella produzione di energia da fonti rinnovabili. A ciò si è, recentemente, sommata la crisi energetica dovuta all’invasione russa in Ucraina con la conseguente ritorsione sulle forniture di gas metano ai paesi europei e la crisi economica, l’aumento dei prezzi del gas fino a 300 €/MWh, ripresa dell’inflazione, possibili piani di razionamento del gas per i mesi invernali. In tale contesto, prende avvio prima timidamente e poi con sempre maggiore determinazione, l’idea che a livello locale si possano costituire gruppi di auto consumatori o, finanche, di comunità che in loco consumano l’energia che si autoproducono. Il numero potenziale di Aggregatori “di Aggregatori” sviluppato da questo progetto dei Gal è di oltre 238 mila persone.

La fotografia dei Gal quando scatta il progetto: Gal Terre del Po. Numero comuni: 21. Abitanti: 108.314
Nessuna CER attiva. Gal Oltrepò Pavese – Numero comuni: 48. Abitanti: 61.427. Nessuna CER attiva. Gal Risorsa Lomellina. Numero comuni: 41. Abitanti: 68.273. Numero CER attive: 1 Torre Beretti

COSA SONO I GAL – GRUPPI DI AZIONE LOCALE

L’acronimo di gruppo di azione locale è una società mista pubblico/privata finalizzata al sostegno del turismo
rurale sostenibile ed inclusivo, allo sviluppo, innovazione e promozione delle filiere e dei sistemi produttivi
locali, alla valorizzazione del patrimonio paesaggistico e storico – culturale e offre un sostegno concreto per
la realizzazione ed implementazione dei servizi essenziali e socio-assistenziali. Obiettivo primario è lo sviluppo dei comuni rientranti nell’Area Leader attuando interventi in linea con la Programmazione Comunitaria. Strategia PSL – La strategia del Piano di Sviluppo Locale si propone di costruire un territorio maggiormente competitivo nella sua economia; con sistemi produttivi in grado di intercettare e generare innovazione, coeso nella sua dimensione sociale e sostenibile con un alto livello di cooperazione tra attori.

TRE GAL IN COOPERAZIONE PER IL PROGETTO C.E.R.CHIAMO ENERGIA

Il progetto di cooperazione fra Gal attiva un’analisi delle potenzialità locali in termini di energia elettrica
producibile, associata alla valutazione dei consumi di famiglie e imprese. Partendo da dati certi, si potranno creare le basi per organizzare produttori e consumatori in una logica di mutuo aiuto e reciproco scambio. Le tipologie di configurazione ammesse al servizio di valorizzazione e incentivazione dell’energia elettrica condivisa (Comunità di energia rinnovabile CER).

Approccio Leader – Il Progetto sfrutta in pieno la metodologia di sviluppo locale Leader. Il termine Leader
descrive uno specifico approccio di sviluppo locale per le zone rurali e deriva dall’acronimo francese di Liaison
Entre Actions pour le Development de L’Economie Rurale (che in italiano significa Collegamento tra azioni
di sviluppo dell’economia rurale).